Come arieggiare casa

Il benessere della tua abitazione è determinato da fattori quali il livello di luce, la qualità dell’aria, la % di umidità, l’isolamento acustico e termico.

In tutto questo il serramento  gioca un ruolo determinante ed è proprio per questo che dobbiamo utilizzarli al meglio: per ottenere il massimo comfort abitativo con il minimo costo energetico!


Prima di tutto è fondamentale sapere che i nuovi serramenti Eurolegno sono ad altissime performance termiche ed acustiche e di conseguenza si comporteranno in modo diverso e per certi versi opposto rispetto ai vecchi serramenti ai quali siamo abituati.

Per ottenere il massimo benessere all’interno della tua casa dovrai tenere sotto controllo una serie di parametri, a volte collegati tra loro:

Ricambio d’aria
Controllo dell’umidità
Controllo solare e della Temperatura

 

RICAMBIO D’ARIA

Il ricambio dell’aria all’interno dei locali è una variabile fondamentale per il benessere della tua abitazione.
Non tutti sanno che la presenza di persone all’interno di ambienti chiusi fa aumentare il vapore acqueo e la concentrazione di anidride carbonica, riducendo di conseguenza il livello di ossigeno e quindi la qualità dell’aria.
Tutto questo genera nell’individuo senso di stanchezza, mancanza di concentrazione, depressione e altri piccoli disturbi.
I vecchi serramenti, sprovvisti di guarnizioni e con sistemi di tenuta di pochissima precisione costruttiva, consentivano un ricambio continuo di aria attraverso gli spifferi, il tutto senza apertura delle ante. Praticamente eravamo in presenza di una finestra costantemente “quasi aperta”!
Pensa che un vecchio serramento chiuso era in grado di ricambiare l’aria di un intero ambiente da 1 a 4 ore a seconda di quanto era approssimativo il suo sistema di tenuta!
In questo modo il ricambio di aria continuo aveva però dei gravi effetti negativi: non poteva essere controllato, generava pesantissimi sprechi energetici, creava continui disagi e assenza di confort per le persistenti lame d’aria che invadevano gli ambienti.
I serramenti, con le performance di tenuta che garantiscono, sono impermeabili agli spifferi e consentono un ricambio di aria totalmente controllato: l’areazione dei locali avviene solamente attraverso la corretta apertura delle ante o mediante sistemi di ventilazione controllata.
Facciamo attenzione quindi, un’areazione non corretta dei locali può portare ad una dispersione fino al 25% dell’energia globale, sia in termini di riscaldamento che di raffreddamento, con conseguente impatto negativo sull’ambiente e sull’economia della nostra casa!
E’ indispensabile quindi imparare a ricambiare l’aria in modo efficiente distinguendo l’areazione estiva da quella invernale.

In estate l’areazione dei locali deve avvenire esclusivamente di notte, 1-2 h circa dopo il tramonto, in modo da far ricambiare l’aria e raffrescare gli ambienti in modo gratuito. Aprire le ante durante le ore calde della giornata provoca un forte innalzamento della temperatura dei locali, con conseguente dispersione energetica qualora siamo in presenza di locali climatizzati. L’apertura delle finestre durante le ore calde provoca inoltre un innalzamento della temperatura di pareti e pavimenti, quando poi la sera la temperatura esterna diminuisce, i muri e i pavimenti riscaldati continuerebbero a cedere calore all’ambiente interno riducendo il confort abitativo.
Viceversa di notte le finestre vanno spalancate e tenute aperte il più possibile in modo da cambiare aria e accumulare fresco abbassando inoltre la temperatura di pareti e pavimenti.
Semplicemente utilizzando i serramenti come sopra riportato aumenterai il confort della tua casa riducendo sensibilmente le spese di condizionamento!

Non tutti sanno che in inverno l’aria all’interno delle abitazioni è più inquinata a causa del riscaldamento.
E’ molto importante tenere sotto controllo anche l’indice UR che misura appunto il livello di Umidità Relativa e quindi la % di vapore acqueo contenuta nell’aria.
L’importanza di tenere sotto controllo l’UR deriva dal fatto che in inverno le pareti sono più fredde e se non controlliamo l’UR sarà facile trovare condensa sui vetri o sulle pareti ed andare incontro a fenomeni di muffa.
Come possiamo controllare quindi l’UR? Semplicemente ricambiando completamente l’aria nei locali, tramite una breve apertura delle ante una o più volte al giorno.
In inverno la velocità di ricambio di aria è molto più rapida in quanto abbiamo una sostanziale differenza di temperatura tra interno ed esterno e quindi basteranno pochi minuti per avere un completo ricambio di aria nei locali. Per avere un completo ricambio di aria di un locale delle dimensioni medie di 3 ml x 4 ml puoi pertanto operare in 2 modi:

Spalancare le ante per 5-6 minuti.
Posizionare il serramento in posizione di Anta Ribalta per 45-50 minuti.
Posizionare il serramento in posizione di Microventilazione per 80-90 minuti circa.
Seguendo le indicazioni riportate sopra avremo un completo ricambio di aria con un minimo spreco energetico. I tempi di apertura del serramento sono infatti brevi e le pareti, i mobili ed i pavimenti conserveranno il loro calore e non appena richiuderemo il serramento il locale ristabilirà la temperatura iniziale in pochi minuti.

ATTENZIONE EVITARE IN INVERNO UNA AREAZIONE ECCESSIVA
In inverno un eccesso di areazione è fortemente sconsigliato! Oltre ad avere una consistente dispersione termica, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, potremmo andare incontro a fenomeni di muffa alle pareti. Se lasciamo aperti i serramenti per un periodo più lungo rispetto a quanto riportato sopra, le pareti si raffredderanno e nel momento in cui richiuderemo il serramento l’inerzia termica potrebbe portare a fenomeni di condensa negli angoli delle pareti. Tutto questo combinato all’assenza di ventilazione a causa di un serramento chiuso potrebbe dare origine allo sviluppo di muffe.
Tuttavia è consigliabile, negli ambienti a più alto tasso di umidità, piuttosto che superare i tempi di apertura sopra riportati, aumentare le frequenze giornaliere di ricambio d’aria portandole a 2-3 volte al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INFO CONTATTI

Contattaci tramite i recapiti riportati qui di seguito.